Visita alla Kensington Park Elementary School di Bethesda

(17 Lug 2011)

Nell’ambito del programma di italiano, viene prevista l’organizzazione di un festival italiano con tante esposizioni dedicate alla cultura italiana.

Il giorno 20 maggio 2011, si e’ svolta presso la Kensington Park Elementary School di Bethesda la quarta edizione del Festival Italiano.

A dirigere la scuola e’ Barbara Liess, giovane preside, allegra, molto motivata e preparata, che spiega agli intervenuti l’importanza che la sua scuola ha nella contea in quanto prevede un programma integrato con un curricolo d’arte. La scuola e’ frequentata da 647 alunni, ma le richieste sono ben superiori. Tutti gli alunni studiano l’italiano per un’ora settimanale con due insegnanti madrelingua, Chiara e Cristiana. Molti degli alunni che provengono da fuori territorio sono attratti dalla prospettiva dello studio dell’italiano. Nell’ambito del programma di italiano, viene prevista l’organizzazione di un festival italiano nel corso del quale vengono esposti manufatti ispirati all’arte italiana, vengono organizzati spettacoli di teatro, di ballo (tarantella), tornei di calcio, viene allestito uno spettacolo d’opera (dalla scrittura dei testi, alle musiche, alle coreografie, tutto viene curato dai bambini). Così, lo scorso 20 maggio il vasto cortile della scuola e’ stato addobbato con bandierine tricolori; lo spazio e’ stato suddiviso in varie piazzole dove gruppi di bambini, a turno, potevano sperimentare giochi soprattutto della tradizione italiana, quali moscacieca, palla avvelenata, fazzoletto-bandiera e così via, oltre ad altre attività, tra cui face-painting, mosaico, manipolazione plastica, indovina la parola, etc.

All’interno della scuola vi sono stati allestiti altri due laboratori: uno di musica e danza (tarantella) e uno di manualità ispirato alle gondole veneziane. Grande l’allegria da parte dei bambini e delle loro famiglie.

La manifestazione e’ stata inaugurata dalle insegnanti pagate dall’Ente Gestore Italian Cultural Society che sono riuscite a coinvolgere non solo i circa 650 alunni della scuola, ma anche tutti i docenti, il personale non docente e direttivo e moltissimi genitori.

Il festival e’ uno dei momenti più importanti della vita della scuola e ad esso vengono invitati giornalisti locali e della stampa italiana.

Non rimane che congratularsi con le insegnanti Chiara e Cristiana e con Italian Cultural Society per l’ottimo lavoro!

Commenti

Ancora nessun commento.